• Dr.ssa Scarantino Claudia

DANA, la gatta-corvo-rana


Dalla collana “Bollicine” di Giunti Editore, un libretto di Lizza Rebecca Van Der Peiji e Mirkp Filippi, per aiutare a riflettere sulla diversità come RISORSA.

Dana la gatta-corvo-rana si sente triste perché è spesso sola. È diversa dai suoi amici perché non è un solo animale, bensì tre: un gatto, un corvo e una rana.




Gli altri animali la prendono in giro perché la vedono diversa. La mamma oca le insegnerà che è proprio questa diversità a renderla speciale e, solo riuscendo a credere in se stessa, riuscirà a trovare la felicità.

Mostrerà ai suoi amici che le sue qualità “strane” possono essere una risorsa. Dana infatti aiuterà Pinnetto, il pesce rosso, a tornare nella sua boccia dell’acqua prendendolo con il suo becco, dopo che questo si ritroverà sul pavimento a causa di un salto troppo alto. Poco dopo, si troverà ad aiutare il gattino Whisker, che per sbaglio è caduto nello stagno e non sa nuotare. In questo caso Dana, con un salto da rana si tufferà nello stagno e nuoterà con whiskey sulla schiena fino a riva. Infine, aiuterà il signor coniglio a cercare la sua coniglietta Fuzzy che si è smarrita. Usando le sue ali da corvo riuscirà a perlustrare il parco e riporterà a casa Fuzzy in volo.

Gli animali riconoscono di essere stati maleducati e antipatici con lei solo perché non la conoscevano abbastanza e ne sono molto dispiaciuti.

Tutti le saranno riconoscenti e troverà così molti amici. Tornerà a sorridere e sarà orgogliosa di sé e imparerà ad apprezzare le proprie qualità. Perché essere solo gatta, solo corvo, o solo rana se si può avere tanto valore essendo tutti e tre contemporaneamente?





Una lettura scorrevole e semplice ma che spinge a riflettere sull’essere diversi ma speciali, ognuno con le proprie caratteristiche e peculiarità.

3 visualizzazioni